Il nostro progetto e il territorio

S.T.A.F.F. si propone di garantire alle persone fragili e non autosufficienti il mantenimento della propria domiciliarità favorendone quindi la permanenza nel proprio ambiente di vita. L'intento è quello di favorire la collaborazione tra servizio pubblico e privato, rafforzando le reti di sostegno e garantendo una relazione positiva tra assistente familiare anziano o disabile e familiari.

Spesso i bisogni socio-assistenziali dei nuclei familiari riguardano l'intero arco della giornata (24 ore) e tali esigenze non possono essere risolte esclusivamente con i servizi ordinari (SAD, Centri diurni etc...) già presenti sul territorio. Il progetto fa fronte a questi bisogni attraverso nuove tipologie di servizi che offrono alle assistenti familiari la possibilità di diventare parte integrante nel progetto individualizzato e alle famiglie il reperimento di un'assistente familiare con maggior facilità e con la garanzia del servizio pubblico nell'ambito della dinamica domanda-offerta.